Blog: http://diarioelettorale.ilcannocchiale.it

Le mani sulle banche

Le borse continuano a scendere in picchiata. Gli interventi dei governi, impegnati in summit oramai settimanali, sono giunti tardivi e appaiono ancora insufficienti per far recuperare la fiducia a investitori e risparmiatori terrorizzati. E non siamo che all'antipasto dell'incubo.

Lo sforzo del duo Brown-Sarkozy è stato notevole nonostante le resistenza della Merkel e nonostante quella macchietta di premier italiano che sono costretti a portarsi dietro e che frequenta i summit dei capi di stato solo  per darsi un'aria da statista e per usarli come cassa di risonanza mediatica dei suoi sempre più preoccupanti deliri di onnipotenza.

Tutto il mondo è in trepida attesa di conoscere le sue annunciate proposte economico-finanziarie per risolvere questa crisi e fermare la recessione. In realtà l'Europa ci ride dietro e il nostro premier si preoccupa solo di far credere al popolo degli italioti che metterà Lui le cose a posto, "ghe pens mi", continuando a consigliare acquisti di azioni con i mercati che ancora non hanno toccato il fondo.

Sono Gordon Brown e Nicolas Sarkozy i due uomini politici che sono apparsi più consapevoli della gravità della situazione e della assoluta necessità di fornire le misure più adeguate possibili, facendo fare retromarcia agli Stati Uniti dal piano originario che prevedeva solo un grazioso regalo ai banchieri americani di 700 miliardi di dollari, proponendo ed attuando l'unica medicina possibile in questo momento, l'ingresso statale nel capitale delle banche e il loro controllo.

Mentre l’ingresso in forze è già avvenuto, anche se non è stato del tutto completato, in Gran Bretagna, Francia, Belgio, Olanda e Lussemburgo, mancano ancora all’appello paesi importanti dell’Unione Europea, quali la Germania (solo la quarta banca tedesca ha chiesto un ingresso nel capitale per poco meno di sei miliardi di euro) e l’Italia, mentre, pur avendo provveduto a predisporre il relativo fondo, il governo Zapatero continua a prendere per buone le rassicurazioni che gli giungono dai quartier generali delle due principali banche iberiche, nonostante i tracolli in borsa di Santander, super esposto al rischio default in Sud America (leggi Brasile ed Argentina).

Presumo che in Italia il duo formato da Mario Draghi e Giulio Tremonti abbiano dei piani che vadano nella direzione tracciata da Francia e Gran Bretagna, piani che vengono visti con estrema apprensione ai piani alti di Unicredit, Monte Paschi e relative Fondazioni, mentre Corrado Passera, amministratopre delegato di Intesa-San Paolo sembra dormire sonni molto più tranquilli grazie ai meriti che si è conquistato e al debito di riconoscenza che Berlusconi gli deve per averlo aiutato nella vicenda Alitalia.

A Robin Tremonti fa gola quel gruzzoletto di 73 miliardi di euro che rappresenta il patrimonio delle Fondazioni bancarie e il suo silenzio assomiglia a quello di chi attende pazientemente sulla riva del fiume che passino i primi naufraghi che chiedano aiuto. Comunque le sue idee ed il suo progetto non coincidono con quelli del suo leader maximo e deve mordere il freno.

Veltroni al Circo Massimo ha messo in guardia da un ritorno delle mani statali sulle banche. Forse avrebbe fatto meglio a parlare chiaramente delle mani di Berlusconi che sta realizzando indisturbato il suo piano per il controllo del sistema economico-finanziario italiano, cosa che non era riuscita nemmeno a Mussolini. Ma questa è un'altra storia intricata, sulla quale spero di ritornare presto.


Pubblicato il 27/10/2008 alle 10.49 nella rubrica La crisi finanziaria.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web