Blog: http://diarioelettorale.ilcannocchiale.it

La Legge è uguale per tutti (quelli come Lui)

Chi l'ha detto che il premier per evitare il processo Mills si è fatto una legge ad personam pensando solo a sè stesso? Il Cavaliere sa anche essere generoso e altruista e a colpi di decreto ha già iniziato la sua riforma della giustizia.

Nel provvedimento del governo per Alitalia si nasconde un articolo che potrebbe evitare le condanne per i crac Cirio e Parmalat. Lo ha svelato un'inchiesta di Report, il programma di RaiTre: se non c'è stato il fallimento delle società coinvolte negli scandali, i reati commessi dai manager non sono perseguibili. Il governo, così, salverebbe Tanzi, Geronzi e Cragnotti.

A questo punto, con un tale precedente, il ventilato decreto che prevede l'impunità anche per i ministri accusati di reato sarebbe in discesa. Il passo successivo potrebbe essere la riabilitazione, a futura memoria, dell'eroe della mafia Vittorio Mangano, meglio conosciuto come lo stalliere di Arcore.

Con la sua riforma della giustizia non c'è dubbio che il premier passerebbe dall'attuale 80 per cento di gradimento da parte degli italiani ad un ancora più rotondo e lusinghiero 90 per cento. Se poi liberasse anche quel poveraccio di Totò Reina non pensate che potrebbe rosicchiare altri due o tre punti?


Aggiornamento
Tremonti minaccia le dimissioni. "O va via l'emendamento" salva-manager o "va via il ministro dell'Economia" ha dichiarato Giulio Tremonti, parlando questa mattina davanti al Senato. "Quell'emendamento è fuori dalla logica di questo governo" ha aggiunto. Sarà, ma chi l'ha proposto? Non sarà nella logica del governo ma se è in quella del Cavaliere, che conta la logica dei suoi dipendenti? Staremo a vedere.

Processo Parmalat

Pubblicato il 9/10/2008 alle 11.14 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web