Blog: http://diarioelettorale.ilcannocchiale.it

Bergamo, caccia all'immigrato

Ieri tutti i telegiornali hanno dato subito come colpevole del delitto della donna trovata uccisa nella sua casa di Vertova, in provincia di Bergamo, un ex dipendente, giovane immigrato senegalese. I TG si erano sprecati in particolari e sul movente: un vecchio contenzioso tra il giovane immigrato e i datori di lavoro.  Senonchè il ragazzo aveva un alibi di ferro ed è stato rilasciato dopo qualche ora. Alcuni testimoni avrebbero visto aggirarsi intorno alla casa prima del delitto un uomo di colore e allora le forze dell'ordine arrestano un altro senegalese. La polizia fa il suo mestiere, i mezzi d'informazione pure, ma come al solito, caricano la notizia di particolari significati e sbattono di nuovo il mostro, l'immigrato, in primo piano. Ma, guarda caso, anche il secondo fermato viene liberato perchè estraneo alla vicenda. A questo punto non rimane che arrestare tutti gli immigrati di colore (ma anch'io quando sono abbronzato sembro di colore) che hanno lavorato in quella ditta e andare per esclusione. Al primo poveraccio senza un alibi gli si appioppa il delitto e la si fa finita. Contenti così inquirenti, cittadini e tg.


Pubblicato il 25/7/2008 alle 12.49 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web