.
Annunci online

in Italia è sempre tempo di elezioni
Tempi moderni
post pubblicato in Diario, il 11 giugno 2008


I ministri del Lavoro Ue, riuniti in Lussemburgo, hanno raggiunto un accordo che permette una deroga al tetto delle 48 ore di lavoro settimanale. Lavoratore e datore di lavoro potranno contrattare, secondo la direttiva, l'allungamento dell'orario individuale che non potrà comunque superare le 60 ore settimanali, o le 65 nel caso dei contratti di lavoro a chiamata che prevedono anche un tempo "inattivo" (come la guardia medica quando è soggetta a reperibilità). Se il lavoratore lo vorrà, sottolineano i ministri UE favorevoli. Gente che evidentemente non è nemmeno lontanamente informata della realtà del mondo del lavoro. Conosciamo bene i ricatti cui sono sottoposti in molti settori i lavoratori, soprattutto precari, per conservare il proprio posto di lavoro. Metteremmo indietro le lancette della storia cancellando una delle più importanti conquiste sociali dello scorso secolo. Perchè allora non reintrodurre direttamente anche la schiavitù?



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. orari orario di lavoro UE

permalink | inviato da meltemi il 11/6/2008 alle 16:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Governo già in confusione
post pubblicato in Diario, il 20 maggio 2008


Il governo Berlusconi è appena partito e già sta deragliando. Il Cavaliere dovrà usare tutte le sue nove vite per non rompersi la schiena prima della scadenza del mandato. Il governo è nel mirino dell'UE per Alitalia, rifiuti, immigrazione, rom, conti pubblici; ha scatenato un vespaio di polemiche con Libia, Romania ed ora Spagna. Pretestuosa ma non infondata quella spagnola su un argomento, l'immigrazione, dove pure Zapatero ha usato le maniere forti, ma anche alimentata quotidianamente dalle demenziali esternazioni di un ministro della repubblica (Bossi), dalle contradditorie e dilettantesche proposte del ministro dell'interno e dalle polemiche tra i partiti della maggioranza sullo stesso argomento. Non c'è da sorprendersi se, non chiedendola nessuno in patria, qualcuno che osserva dall'esterno un tal governo solleciti una visita psichiatrica per il capo di questa allegra compagnia di squinternati. Per non parlare delle avventate dichiarazioni della Carfagna contro gli omosessuali che hanno causato una levata di scudi persino da parte della Mussolini. E presto ci sarà altra carne sul fuoco con l'emergenza stipendi e pensioni per la quale nella maggioranza circolano ricette contrapposte, mentre all'orizzonte comincia a profilarsi un'altra finanziaria "creativa" del ministro Tremonti. Intanto il consiglio dei ministri domani si riunisce a Napoli per dare il ciak d'inizio del nuovo film horror sulla monnezza, "Il ritorno di Bertolaso". San Gennaro purtroppo non ci farà la grazia di imbarcare anche il governo sul treno dei rifiuti per la Germania. Però dicono ci stia lavorando.


Napoli, quartiere di Ponticelli
Sfoglia maggio        luglio
calendario
adv