.
Annunci online

in Italia è sempre tempo di elezioni
Grazie Sky
post pubblicato in Diario, il 2 dicembre 2008


Secondo Gaetano Quagliarello, ubiquo senatore ovunque del PdL, la ormai famosa tassa Sky è  una tassa giusta che colpisce un bene di lusso. Per Berlusconi invece criticando quella tassa "la sinistra difende i ricchi". Che bello sentirsi finalmente un VIP, io con il mio decoder fianco a fianco a proprietari di ville in Sardegna, yacth ormeggiati a Montecarlo e rombanti Ferrari! Grazie Sky.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sky berlusconi pd manovra economica

permalink | inviato da meltemi il 2/12/2008 alle 18:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Gli Americani ci libereranno per la seconda volta?
post pubblicato in La crisi finanziaria, il 1 dicembre 2008


Ambasciator non porta pena: vi renderò solo conto, senza filtri e alcun giudizio sulla loro attendibilità, di rumor che circolano in alcuni ambienti finanziari e secondo i quali negli Usa sta montando una sempre più forte irritazione nei confronti di Berlusconi.

L'aver dato dell'abbronzato ad Obama, dell'idiota imbecille a un giornalista americano (tra l'altro della destra più oltranzista ed ultra repubblicana, non per niente di Bloomberg) che chiedeva spiegazioni, ma soprattutto il suo recente attacco a Murdoch (proprietario oltre che di un impero televisivo mondiale anche del Wall Street Journal) con il raddoppio dell'Iva per Sky mentre sta facendo di tutto per difendere i budget pubblicitari di Mediaset (questo è l'unico motivo per cui il Cavaliere vuole che le banche continuino a finanziare le imprese, non certo perchè gli sta a cuore la nostra economia) avrebbero causato molto fastidio negli ambienti di Wall Street.

Tutto l'apparato mediatico-affaristico-politico di Berlusconi verrebbe visto inoltre con grande irritazione da americani di profondissime convinzioni di destra e liberiste, come Edward Luttwack, Henry Kissinger e John Negroponte.

Infine, ma non per ultimo, il messaggio quasi mafioso rivolto da Berlusconi a Barack Obama, "Se vuoi andare d'accordo con la Russia, devi tener buono me" gli ha detto in soldoni, è stato considerato negli stessi ambienti estremamente offensivo.

La guerra non dichiarata contro Berlusconi potrebbe essere già in corso e potrebbe avere come target un attacco in borsa a Mediaset. Questa volta il Cavaliere riuscirà a resistere sulla linea del Piave dei 3,80 euro oppure, come abbiamo più volte raccontato, se il titolo scende sotto quel livello sarà costretto a comprarsi pacchi di azioni a 5,78 euro e magari a rivenderle subito dopo a 3,60 per fare cassa? Fantascienza, fantafinanza? Forse, ma vi consiglio di controllare le quotazioni di Mediaset nei prossimi giorni. Oggi il titolo ha perso il 6,07% chiudendo a 3,98.


Sfoglia novembre        gennaio
calendario
adv