.
Annunci online

in Italia è sempre tempo di elezioni
Trote o delfini?
post pubblicato in Diario, il 11 gennaio 2009


La vecchia astuzia di Bertoldo, sia pure in salsa padana? Il Carroccio annuncia a gola spiegata una novità, gli alleati (o il Tar, o la Corte costituzionale) lo bocciano, e il provvedimento sfuma ma intanto la credibilità cresce. E il consenso, almeno quello misurato dai sondaggi, aumenta. Si riassume in questi concetti un brillante articolo sul Corriere.it di Marco Cremonesi che scrive:

Secondo Nando Pagnoncelli di Ipsos, oggi la Lega sfiorerebbe l'11 per cento a livello nazionale: «Fortissima nei suoi territori tradizionali — spiega il sondaggista — ha ormai sfondato anche in Toscana e in Emilia».

Renato Mannheimer sottolinea l'efficacia semplice di questo metodo: «La gente si sente difesa, vede che la Lega è quella che non perde mai l'iniziativa, quella che comunque propone qualcosa. E resta distante da una politica romana vista come statica, bizantina, immobilista».

Mettiamoci il cuore in pace. L'Italia non è più la Patria di Santi, poeti, pittori, musicisti e navigatori ma è sempre più il paese dell'ignoranza, del razzismo, dell'egoismo e della furbizia, di chi non vorrebbe più pagare le tasse e vuole arrivare al successo come fanno le trote padane di Bossi. Tanto che, a quanto pare, abbiamo cominciato ad esportare questa cultura persino oltralpe: anche Sarkozy vorrebbe infatti il figlio come suo successore nel partito.

Ma forse Sarkozy junior non è una trota se e vero che ha rifiutato l'investitura paterna. Purtroppo quest'esito non ci rincuora su migliori destini italiani: in Francia almeno a scuola si impara ancora qualche sano principio. Qui la Gelmini invece sta distruggendo anche questa ultima speranza.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. scuola bossi sarkozy lega nord gelmini interno

permalink | inviato da meltemi il 11/1/2009 alle 12:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Mogli e buoi dei paesi tuoi
post pubblicato in Diario, il 22 ottobre 2008


Dopo le classi differenziate per i bambini immigrati la Lega Nord propone un giro di vite per i matrimoni misti. E' il presidente dei senatùr della Lega, Federico Bricolo, a sollevare il problema sostenendo che "in troppi pagano una persona per farsi sposare e ottenere così la cittadinanza". La soluzione? Ma è l'uovo di Colombo: "Controlliamo che si amino davvero" propone l'aspirante paraninfo in una scarna nota di Agenzia.
 
Come si possa concretizzare questo controllo il nostro infatti non l'ha rivelato ma dobbiamo presumere che polizia, carabinieri e vigili urbani potranno svolgere indagini approfondite pur restando, per ora, l'incognita di quali indicatori e parametri saranno utilizzati. Aspettiamoci dunque che alle nostre forze dell'ordine vengano fornite adeguata preparazione e appropriati strumenti come ad esempio autovelox dell'amore omologati e ben tarati. La celebrazione del matrimonio potrebbe comunque essere condizionata al rilascio di una licenza a punti da ottenersi mediante un esame con quiz come per la patente di guida.

A tal proposito consigliamo agli immigrati che vogliano ottenere la cittadinanza italiana seguendo le nuove procedure che verranno presto introdotte dal governo, di cominciare a prepararsi attraverso la lettura dei libri di un noto psicologo dell'Amore, sicuramente non sospettabile di simpatie di sinistra, come Francesco Alberoni. Dal suo sito è possibile, a questo link, fare il download gratuito di alcuni testi in lingua francese, inglese e cinese,  fondamentali per una adeguata educazione amorosa secondo i canoni della Lega Nord.


Antipasto di governo
post pubblicato in Diario, il 18 aprile 2008


Gli elettori della Lega nord chiedono al nuovo governo Milano capitale e Bossi ministro degli interni (La Padania). Bossi rompe con le altre forze della coalizione a manda a dire che parlerà d'ora in poi solo con Berlusconi. Castelli chiede che Berlusconi faccia subito i nomi dei ministri e rivendica il Ministero degli Interni per la Lega. Anche Lombardo (Lega Sud) rivendica un ministro siciliano. Altero Matteoli (Alleanza Nazionale): "Suggerisco ai nostri alleati, quando parlano, di essere un pò più...come dire? Civili. Non servirebbe altro". Un preludio davvero promettente.
Sfoglia dicembre        febbraio
calendario
adv