.
Annunci online

in Italia è sempre tempo di elezioni
La prossima bolla
post pubblicato in La crisi finanziaria, il 21 dicembre 2008


Dopo la bolla dei subprime, la bolla dei derivati, la bolla dei prodotti più o meno strutturati, la bolla finanziaria, e chi più ne ha più ne metta, è in arrivo anche la bolla del debito pubblico americano della cui esplosione sarebbe la Cina la prima a pagarne le conseguenze.

Ma se gli altri piangono noi non ci possiamo permettere ottimismo. Per chi l'avesse dimenticato ricordo sopra quale bomba ad orologeria siamo seduti.


La Grande muraglia e il muro del pianto
post pubblicato in La crisi finanziaria, il 9 novembre 2008


Il governo cinese ha varato un piano biennale di investimenti per quasi 600 miliardi di dollari per contrastare il rallentamento della crescita economica e stimolare i consumi della popolazione. Il pacchetto verrà utilizzato per infrastrutture e aiuti sociali (ospedali, pensioni, istruzione, tagli fiscali, incrementi salariali).

Il varo di questo piano, alla vigilia del vertice del G20, dimostra la profondità della recessione e la preoccupazione dei dirigenti cinesi, che non accettano la supremazia di USA ed Europa e vogliono giocare un ruolo di primo piano. La crisi sta ridisegnando la mappa del potere planetario e qualcuno teme che possa sfociare nella terza guerra mondiale.

Noi intanto, nel nostro piccolo, siamo sempre in attesa di conoscere quali misure concrete, oltre alle chiacchiere, intenda mettere in campo il nostro governo.


Sfoglia novembre        gennaio
calendario
adv