.
Annunci online

in Italia è sempre tempo di elezioni
Cattiva digestione
post pubblicato in La crisi finanziaria, il 16 gennaio 2009


Bank of America riceverà nuovi aiuti statali per 138 miliardi di dollari diretti a consentire, questa è la motivazione ufficiale, l'integrazione di Merrill Lynch e a coprire potenziali nuove perdite nel bilancio della ex investment bank. Il provvedimento del Tesoro americano prevede uno stanziamento da 20 miliardi di dollari oltre alla costituzione di garanzie per quasi 118 miliardi a copertura di prestiti, titoli garantiti da immobili e altri asset. In ottobre la banca aveva già ricevuto dalle casse statali 25 miliardi. La spesa rientrerà nel piano di acquisto di asset tossici noto come Troubled Asset Relief Program (TARP).

Mi ritorna subito in mente Andrea Mazzalai e la sua "profezia" che si sta avverando:

" In America le banche e finanziarie fallite sono state spesso inglobate dalle tre gigantesche banche come la Jp Morgan Chase, la Citigroup e la Bank of America. E’ stato un goffo tentativo di coprire le responsabilità delle tre grandi, che vantano ben 150.000 miliardi di dollari in derivati finanziari. Attenzione a questi nomi nelle prossime fasi di crisi. "

Con la scusa della cattiva digestione dell'operazione Merrill Lynch si continua così a sperperare il denaro dei contribuenti per coprire le voragini che si aprono nei bilanci di una banca "troppo grande per fallire". Dico sperperare perchè ufficialmente non si sa che fine abbiano fatto i primi 350 miliardi di dollari del TARP. Nessuno dice dove siano finiti, nemmeno il Tesoro, ma di sicuro non sono serviti a finanziare prestiti alle piccole imprese, ai proprietari di case in difficoltà con il pagamento del mutuo, agli studenti, a chi, in ogni caso, ha necessità di un credito e cioè non sono sicuramente stati usati per lo scopo per cui era nato quel Fondo di salvataggio.

In realtà è più che lecito il sospetto che quei miliardi siano finiti in tasca agli azionisti sotto forma di dividendi, ai top manager e ai dirigenti delle banche con premi e compensi, a qualche creditore privilegiato e a plotoni di avvocati, amministratori e consulenti che, nel frattempo hanno consigliato le banche dove nascondere il resto del malloppo. Altro che crisi della liquidità.

Ora il Congresso deve autorizzare l'ulteriore stanziamento per altri 350 miliardi di dollari. Spero che Obama e il nuovo ministro del Tesoro ne facciano un uso migliore di quello che ne hanno fatto Bush e Paulson ma che soprattutto dettino delle precise condizioni alle banche. Robert Reich propone, tra l'altro, di vincolare la destinazione di parte di quel denaro alla rinegoziazione dei mutui sulla prima casa. Non sarebbe una cattiva idea anche perchè, conclude così il suo ragionamento Reich,

"Una casa occupata da una famiglia che paga parte del proprio mutuo è sempre meglio di una casa vuota, per la quale nessuno paga niente."

Aggiornamento ore 13:00
Arrivano in questo momento i risultati del quarto trimestre di Bank of America e Citicorp. La prima dichiara una perdita di 1,79 miliardi di dollari e di 15,31 miliardi per la controllata Merrill Lynch. Citicorp chiude in rosso per  8,29 miliardi portando le perdite su base annua a 18,72 miliardi.

Da sinistra: John Thain (CEO Merrill Lynch) e Ken Lewis (CEO BofA)
Mondi paralleli
post pubblicato in La crisi finanziaria, il 15 ottobre 2008




Lunedì 13 Ottobre alle 3 del pomeriggio nel quartier generale del Tesoro americano. Da un lato del tavolo il Segretario del Tesoro Henry Paulson, con a fianco il Presidente della Federal Reserve Ben Bernanke e quella che secondo molti potrebbe essere il prossimo ministro del Tesoro statunitense, l’attuale presidentessa del Federal Deposit Insurance Corporation, Sheila Bair. All'altro lato i top manager delle maggiori banche americane, convocati da ogni angolo del Paese e disposti in rigoroso ordine alfabetico, con la Bank of America ad un estremo del tavolo e la Wells Fargo di Warren Buffet all'altro estremo.

Per un'ora i nove banchieri, tenendosi sù con acqua e caffè, hanno ascoltato Paulson e Bernanke riferire del fosco quadro dell'economia americana e della crisi finanziaria in atto. Giunti al termine dell'incontro a ciascun banchiere è stato consegnato un documento dettagliato del piano governativo che prevedeva un'acquisizione di quote azionarie nelle loro banche per un valore di 125 miliardi di dollari ma anche l'imposizione di nuove restrizioni relative ai premi per i top manager e ai dividendi.

I partecipanti, tra i migliori negoziatori della nazione, si trovavano in una singolare posizione. Ad essi non era permesso trattare. Paulson ha chiesto che ciascuno di loro firmasse. Durante la discussione che è seguita, l'intervento più animato è venuto dal Presidente della Wells Fargo, Richard Kovacevich, che accalorandosi ha chiesto "dov'è la necessità di fare questo? Perchè mai è necessario per il governo acquistare quote azionarie nelle nostre banche?".  "Per il vostro bene e per il bene della nazione" ha risposto Paulson.

A questo punto il CEO di Morgan Stanley, John Mack, la cui banca era la più esposta del gruppo al vortice della crisi finanziaria, ha firmato per primo senza battere ciglio e Kenneth Lewis di Bank of America ha ammesso l'evidenza che ognuno presente al tavolo avrebbe fatto la sua parte dicendo: "Ognuno di noi che non abbia una sana paura dell'ignoto non può che essere d'accordo".

Questo racconto, ripreso dal Wall Street Journal, rende l'idea della rivoluzione che sta avvenendo più di tante dotte ma spesso fuorvianti dissertazioni di giornalisti, economisti e politici da cui siamo inondati, nostro malgrado, via radio, stampa e televisione, che parlano di tutto ma lasciano fuori dai loro ragionamenti, salvo qualche rara occasione, l'ovvia verità che a gestire l'uscita dalla crisi non possono essere i maggiori suoi responsabili senza che non paghino un prezzo per i loro errori.

Non deve assolutamente essere stato facile far digerire il piano a quei banchieri che, ad onta del fallimento sistemico in atto, mal sopportano le ingerenze dello Stato nei propri affari e che speravano veramente che i 700 miliardi del piano Bush-Paulson-Bernspan servissero soltanto a sbolognare una parte dei i titoli tossici attualmente sul loro groppone ad un prezzo multiplo di quello accettato da John Thain di Merrill Lynch, gli ormai famosi 22 centesimi per dollaro, un sacrificio che pure ha consentito a Merrill di non fare la fine di Lehman Brothers!

I nove banchieri non hanno sputato certo sui 25 miliardi di dollari che toccano alle banche maggiori fino ai 3 miliardi previsti per la banca di New York, ma non sopportano quelli che il Wall Street Journal definisce i dettagli e che loro considerano vere e proprie limitazioni al principio per loro sacro che gli affari li gestiscono loro, così come i premi, spesso correlati a effimeri risultati di breve periodo, mentre sono disponibilissimi a condividere le perdite con quello stesso Stato che nella loro visione esiste solo a tale scopo e non certo per insegnare loro come si fa il mestiere del banchiere.

Ma la festa è finita ed è arrivato il tempo, almeno in America, che chi ha sbagliato paghi o che, se non ha commesso reati, almeno non sia premiato! Risultato agevolato anche dall'imminente lezione per la presidenza USA e da una campagna elettorale dove ambo i contendenti, ma soprattutto McCain per le più che evidenti responsabilità del suo partito, hanno tutto l'interesse a dare in pasto all'opinione pubblica i banchieri, gli assicuratori, gli hedge funders e tutti gli altri rappresentanti del mondo della finanza universalmente considerati come i responsabili della più grave crisi finanziaria mai avvenuta!

Come in due mondi paralleli ma simmetrici negli Stati Uniti i banchieri che sbagliano vengono puniti mentre da noi sono premiati. In Italia il peso nell'intreccio di interessi tra banche e politica è rovesciato. Alla fine sono sempre le Banche a dettare le regole e a decidere questioni che dovrebbero essere di competenza del mondo economico o politico.

L'abbiamo visto con la vicenda Telecom e recentemente nel caso Alitalia con Passera advisor di Alitalia e contemporaneamente dei suoi compratori. O nei crack di cui è lastricata la strada dei nostri banchieri, da Cirio a Parmalat, dai bond argentini a Italease, in cui si è sempre realizzato quel singolare principio per cui si privatizzano i profitti e si sbolognano le perdite direttamente ai cittadini.

Nessuno ha mai pagato per quelle truffe. Anzi qualcuno, condannato o ancora accusato di decine di reati, ha fatto carriera e siede sulla poltrona che fu di Enrico Cuccia, chiamato persino a partecipare a riunioni del governo dove si decidono le sorti del nostro sistema economico e finanziario.

Ancora oggi autorevoli rappresentanti del governo, banchieri, giornalisti, commentatori della domenica continuano a raccontare la barzelletta che il nostro sistema è più solido perché meno evoluto, e anche a sinistra qualcuno ha finito per crederci. Ricordo che le grandi banche italiane, nonché le maggiori compagnie di assicurazioni, non si sono certo fatte legare all'albero maestro per resistere al canto delle seducenti sirene dell’investment banking e dei facili guadagni, vendendo ai propri clienti di tutto e di più, incassando alte commissioni (più il prodotto era a rischio e più alte le commissioni) con l'obbiettivo di raggiungere profitti di breve periodo ma di corto respiro per alimentare anche da noi il perverso meccanismo dei premi milionari per i top manager.

Sfoglia dicembre        febbraio
calendario
adv